consulenza settore alimentare e packaging:, BRC iop, ISO 22000, etichettature, haccp - equipe srl - consulenza aziendale ISO 9001, ISO14001, ISO45001, sivluppo protocolli covid19 e consulenza di direzione e organizzativa

Non solo consulenza ma soluzioni
Uffici:
Via chiusure 14/b - 25127 Brescia
tel 030 5234240

Equipe s.r.l.
consulenza di sistemi: ISO9001, ISO45001, ISO14001, ISO 22001, ISO39001, BRC, UNI16636, ISO50001, IATF, ISO27001, SA8000, ISO31000, MOCA, ISO9100, FSC, Haccp consulenza di direzione e organizzativa, gestione del personale, formazione. Sviluppo e attestazione protocolli covid19 (ristoranti, hotel, campeggi, industria)
operiamo in Lombardia e Veneto: Brescia, Bergamo, Trento, Sondrio, Cremona, Verona
Vai ai contenuti

Menu principale:

consulenza settore alimentare e packaging:, BRC iop, ISO 22000, etichettature, haccp

consulenza per implementazione sistemi di gestione in campo agroalimentare:

Equipe s.r.l., grazie al suo staff ed all'esperienza acquisita negli anni, é in grado di supportare le organizzazioni nello sviluppo e nell'implementazione dei seguenti sistemi di gestione in campo agroalimentare

Lo standard ISO 22000
ISO 22000 è lo standard fondamentale per i sistemi di gestione della sicurezza nel settore agroalimentare. Questa norma consente a tutte le aziende coinvolte nella filiera, in modo diretto o indiretto, di identificare con precisione i rischi a cui sono esposte e di gestirli in maniera efficace. Prevenire il verificarsi di incidenti lungo tutta la filiera e verificare l'adeguatezza rispetto alle norme sono due aspetti essenziali per la tutela del brand.

Lo standard BRC/ Iop (GSPP)
Lo standard  nasce per dare risposta alla richiesta esplicita di garanzie della GdO internazionale (soprattutto del mondo anglosassone) in materia di sicurezza igienico-sanitaria dei materiali a contatto con gli alimenti. È uno standard privato sviluppato da BRC (British Retail Consortium) in collaborazione con l’Istitute of Packaging collocabile fra gli schemi di prodotto ma con una visione integrata di processo e sistema.
I requisiti dello standard sono molto dettagliati e specifici e, in alcuni casi superano le richieste di base previste dalla normativa cogente.
In più punti richiama esplicitamente misure e modalità di gestione dei rischi per la sicurezza alimentare e dettaglia un approccio molto rigido sugli standard di stabilimento (infrastrutture).
E' rivolta a:
  • produttori di materiali a contatto con l’alimento MCAt
  • trasformazione di materiali a contatto con l’alimento MCA
  • distributori di materiali a contatto con l’alimento MCA
  • utilizzatori di packaging destinato al contatto alimentare e prodotto nelle linee di confezionamento

Lo standard ISO 22005
La ISO 22005 recepisce le norme italiane UNI 10939:01 relativa a “Sistema di rintracciabilità nelle filiere agroalimentari” e UNI 11020:02 relativa “sistema di rintracciabilità nelle aziende agroalimentari” e si applica a tutto il settore agroalimentare, comprese le produzioni mangimistiche.
Tale norma è il documento di riferimento internazionale per la certificazione di sistemi di rintracciabilità agroalimentari.
L’implementazione di sistemi di rintracciabilità nelle aziende e nelle filiere agroalimentari costituisce uno strumento indispensabile per:
  • rispondere agli obblighi cogenti,
  • valorizzare particolari caratteristiche di prodotto, quali l’origine/territorialità e le caratteristiche peculiari degli ingredienti,
  • soddisfare le aspettative del cliente (inteso sia come GDO, sia come consumatore finale).
Il solo sistema di rintracciabilità non è in grado di garantire la sicurezza del prodotto alimentare, ma può sicuramente dare un importante contributo al raggiungimento di tale obiettivo.

LA NORMA UNI EN 16636
La norma UNI EN  16636, pubblicata marzo 2015, rappresenta lo standard europeo di riferimento per le imprese che offrono servizi di Pest Management. La norma, fortemente voluta da CEPA (Confederazione Europea delle Associazioni  del Pest Control) e da ANID (Associazione Nazionale Imprese di Disinfestazione), definisce i  requisiti che le imprese di questo settore devono possedere per il controllo e la gestione degli infestanti e stabilisce le competenze che devono possedere le diverse figure professionali  coinvolte nell’erogazione di questi servizi (personale amministrativo, addetti alle vendite,  responsabile tecnico, utente professionista). Questa norma si presta anche ad essere un utile strumento di valutazione dei propri fornitori per gli utilizzatori di servizi di Pest Management, in particolar modo per le aziende del settore agroalimentare, ma anche per le pubbliche amministrazioni.

CAMPO DI APPLICAZIONE
La norma si applica a fornitori professionali di servizi per la gestione e il controllo delle infestazioni (Pest Management) e riguarda tutte le attività svolte dalle aziende, a partire dal primo contatto fino ad arrivare alla verifica dell’efficacia dell’intervento svolto. In quest’ottica non sono ammesse esclusioni di fasi. Non si applica ai servizi relativi a protezione delle culture, né alla pulizia e disinfestazione ordinaria associata a regolari contratti di servizi per la pulizia. Il cuore della norma è rappresentato dai capitoli 5 “flusso di processo dei servizi professionali” e 6 “Competenze e requisiti”.

FLUSSO DI PROCESSO DEI SERVIZI PROFESSIONALI
L’azienda che decide di applicare la norma UNI EN 16636 deve essere in grado di garantire e documentare il rispetto del flusso delle attività sopra riportate.



COMPETENZE E REQUISITI
Le competenze e i requisiti che ogni operatore deve possedere sono dettagliate nell’appendice A della norma.
All’interno dell’azienda è richiesta la presenza di un responsabile tecnico che svolge almeno queste funzioni:
  • supervisiona il mantenimento delle competenze del personale e delle abilità tecniche che permettono di eseguire le attività presso le aziende clienti;
  • è responsabile della gestione delle attrezzature, con particolare attenzione alla gestione delle manutenzioni e delle calibrazioni degli strumenti;
  • è responsabile della fornitura e dell’uso dei pesticidi, che deve essere in linea con i principi della Gestione Integrata dei Parassiti.
FORNITURA ED USO DI PESTICIDI
Il responsabile tecnico deve preferire i metodi e gli interventi che sono in conformità ai principi della Gestione Integrata degli Parassiti (IPM) e deve assicurarsi che gli utenti professionali utilizzino solo i prodotti approvati dalle autorità competenti.
La selezione dei pesticidi deve tenere conto di aspetti quali efficacia, efficienza e selettività. Inoltre deve considerare l'impatto ambientale e umano e sul benessere animale.
Il cliente deve essere informato sui rischi legati ai prodotti utilizzati. Infine il responsabile tecnico deve garantire che vengano prese tutte le precauzioni necessarie per prevenire fuoriuscite accidentali o il contatto con specie non bersaglio.
DOCUMENTAZIONE E REGISTRAZIONE
Deve essere documentata una procedura per ogni tipo di servizio.
  • Documentare il tipo di servizio fornito al cliente e mantenere la registrazione per almeno un anno.
  • Registrare le prove delle attività svolte e dei risultati raggiunti.
  • Fornire informazioni sul piano di gestione e controllo infestazioni specifico basato sulla valutazione di rischio, in modo da stabilire un processo di controllo basato su responsabilità, diritti e doveri.
  • Completare una revisione e una valutazione formali dei risultati incluse eventuali raccomandazioni a per il cliente.
  • Preparare registri accurati contenenti raccomandazioni per il cliente ed informazioni sui prodotti, le quantità usate e i principi attivi.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
La UNI EN 16636:2015 è la norma europea recepita  a livello italiano che definisce: A)  requisiti per la gestione e il controllo delle infestazioni (pest management) e  B) competenze che devono essere possedute dai fornitori professionali di servizi per  tutelare: salute pubblica,  beni e ambiente.  E' una norma applicabile da parte delle imprese che erogano il servizio di pest management, che riguarda la gestione e il controllo delle infestazioni,  la valutazione, le raccomandazioni e la successiva esecuzione delle procedure di controllo e di prevenzione definite.
Vantaggi
caratterizza l’azienda come fornitore di un servizio professionale qualificato;
Accresce la fiducia delle aziende clienti, in particolare quelle del comparto food (soprattutto quelle certificate BRC – GFSF e IFS) che sono molto sensibili a questi aspetti che impattano sulle caratteristiche igienico-sanitarie dei loro prodotti
Il possesso di un certificato a fronte  della norma UNI EN 16636:2015 può essere inserito come requisito all’interno di bandi pubblici
Punti chiave
La norma prende in esame tutte le fasi di erogazione del servizio: il primo contatto con il cliente, la progettazione della modalità di erogazione del servizio, la preventivazione dello stesso, l’attività di disinfestazione e la valutazione dell’efficacia  dell’intervento l’allegato A della norma definisce in modo dettagliato caratteristiche e le competenze del personale interessato alle varie fasi di erogazione del servizio (funzioni tecniche, commerciali ecc)

per mggiori informazioni:  consulenza@equipe-srl.net

Equipe srl - PIVA 03857580983   società di consulenza sistemi gestionali e organizzativi , la nostra competenza al servizio dei nostri clienti
Torna ai contenuti | Torna al menu